giugno 2014

Un camper per i diritti , Firenze

La Firenze dei rifugiati. Urgente tutelare i migranti forzati più vulnerabili e garantire una possibilità di iscrizione anagrafica all’interno degli stabili occupati.

MEDU presenta i dati relativi all’attività di assistenza socio-sanitaria in favore dei rifugiati in condizione di precarietà abitativa nella città di Firenze. Nei mesi tra novembre 2013 e aprile 2014 sono state svolte 46 uscite con 215 visite a 160 pazienti. 170 persone sono state informate in tema di regolarizzazione...
LEGGI TUTTO
Tipo di documento:Comunicati stampa

Roma capitale dei rifugiati. Urgente dare assistenza ai migranti forzati più vulnerabili.

Nel presentare i dati sulle attività socio-sanitarie realizzate nell’ultimo anno in favore dei rifugiati in condizione di precarietà a Roma, Medici per i Diritti Umani (MEDU) ritiene utile evidenziare alcuni nodi critici che sono in buona misura specchio di quanto avviene a livello nazionale. Nel corso degli ultimi dodici mesi...
LEGGI TUTTO
Tipo di documento:Comunicati stampa

“Non ho scelto di partire”

“Il primo Paese che ho raggiunto è stato l’Etiopia e lì mi sono fermato per sei mesi. Poi ho proseguito verso il Sudan, ma è molto pericoloso perché i Rashaayda rapiscono le persone e la polizia di frontiera ha l’ordine di sparare contro chi tenta di attraversare il confine. Prima...
LEGGI TUTTO
Tipo di documento:Comunicati stampa

Il Piano Casa mette a rischio i diritti di cittadinanza dei rifugiati più vulnerabili. Il caso Firenze.

ll Piano Casa mette a rischio i diritti di cittadinanza dei rifugiati più vulnerabili.Il caso di Firenze. 4 giugno 2014 – Medici per i Diritti umani (MEDU) considera con grande preoccupazione la recente approvazione da parte del Parlamento della norma, contenuta nell’art.5 del Piano Casa 2014, che nega la possibilità...
LEGGI TUTTO
Tipo di documento:Comunicati stampa

CIE di Bari al di sotto degli standard minimi di dignità

Nonostante il 9 gennaio 2014 il Tribunale di Bari avesse disposto lavori di ristrutturazione ritenuti “indifferibili e necessari”, a quasi cinque mesi dalla sentenza le aree abitative del CIE destinate ai migranti risultano ancora ben distanti dall’assicurare standard dignitosi di vivibilità. I servizi igienici di alcuni moduli versano in vere...
LEGGI TUTTO
Tipo di documento:Comunicati stampa